14
Lug

3 – Schio 2018, prima giornata di ricognizioni

Equipaggi moderni e storici in giro per le prove su vetture stradali – 

 

Il meteo di oggi dice parzialmente nuvoloso, variabile, possibili piovaschi, temprali e schiarite, di nuovo variabile e parzialmente nuvoloso. Sembra fatto apposta per provare le diverse condizioni di asfalto sulle prove speciali del 28° Rally Città di Schio – 4° Rally Storico Città di Schio che andrà in scena nel prossimo fine settimana, sabato 21 e domenica 22 luglio. Stamattina dalle 9 alle 12, nel pomeriggio dalle 14 alle 18, equipaggi moderni e storici potranno effettuare le ricognizioni autorizzate sul percorso di gara: massimo tre passaggi su “Monte Rosso” (3,02 km), “Monte di Malo” (13,71), “San Rocco” (7,46), “Santa Caterina-Enna” (11,87), a bordo di vetture stradali, prendendo le note senza esagerare. Il che vuol dire velocità controllata, rispetto del codice della strada, vietato rompere le scatole ai residenti. Ieri sera al bar Piazzetta Boldù in via Campagnola, di fronte al PalaRomare, c’è stata la consegna dei road-book e dei materiali per le ricognizioni che verrà replicata stamane dalle 8:30 alle 12:30. Venerdì prossimo 20 luglio altra giornata di possibili ricognizioni, con identico orario e limite di tre passaggi a prova. Il rally di Schio si avvale del direttore di gara Simone Bettati e del suo vice Walter Robassa, che garantiscono un mix potente di competenza ed esperienza. Addetti alle relazioni con i concorrenti saranno Vinicio Prodani (cell. +393470010747) e il figlio Aris (cell. +393357504635), reperibili nei due giorni di gara. In segreteria Giovanna Ossato, autentica anima del rally. Nel collegio dei commissari sportivi designato presidente Fabrizio Grigoletti, ex organizzatore di Sagittario e Piancavallo nel pordenonese, mentre le funzioni di segreteria del collegio saranno svolte da Elena Barba, la signora Brunetta che con il marito Gigi organizza il Marca trevigiana. Delegato all’allestimento del percorso Massimiliano Boldrini e medico di gara Pietro Mainente. Supervisore del regolamento particolare di gara è Piercarlo Capolongo. Iscritti sia il vincitore 2016 (Eddie Sciessere) che quello dell’anno scorso (Efrem Bianco). Prima volta per gli storici dopo la rifondazione del rally e si potranno ammirare Porsche, Fiat 131 Abarth, Lancia Delta, Ford Escort e Sierra Cosworth, Renault 5 Turbo e Alfetta Gtv, Opel Ascona e Bmw M3. Menù spettacolo con rombi acuti.